Πέμπτη, 12 Νοεμβρίου 2015

Psicoanalisi - Arte - cultura.

 Le più moderne teorie psicoanalitiche credono che il lavoro dell’artista e quello dello scienziato, come vie della vita, non sono diverse ma parallele acquisiscano le stesse verità. «Ho notato spesso – scriverà S. Freud, ne Il Mosè di Michelangelo (1913) che il contenuto di un’ opera d’ arte esercita su di me un’ attrazione più forte che non le sue qualità formali e tecniche, alle quali, invece, l’ artista attribuisce un valore primario. Per molte manifestazioni e per di più di un effetto dell’arte mi manca propriamente l’esatta comprensione.» (vede: S. Freud, Saggi sull’arte la letteratura e il linguaggio, Torino 1969, pag, 187). L’arte è una sublimazione della libido, cosi ogni figura, ogni immagine, ogni scena ha una propria spiegazione sessuale, una spiegazione della libido ma anche una spiegazione dell’inconscio. Cosi secondo la concezione freudiana la considerazione scientifica dell’arte, funziona come sublimazione del desiderio, come sintesi di principio del piacere e proprio della realtà. L’arte diventa una sorta di “riserva psichica” in cui lasciar sfogare liberamente le pulsioni umane, altrimenti destinate o ad essere sopraffatte dal principio di realtà o a generare un pericoloso disordine. Però abbiamo anche le visioni di Lacan e anche di Sara Kofman (vede: L’ enfance de l’ arte, une interpretation de l’ esthetique ed, Payot, Paris 1970) che parlano  d’ atre come   un punto di rottura dell’ ordine simbolico da parte dell’ immaginario. L’arte non è solo un fenomeno psichico ma una rappresentazione. Una rappresentazione dei fantasmi dell’autore e cioè non tanto delle sue visioni allucinatorie, quanto di quelle forme in cui si configura tutto un ordine di percezioni di parole ed effetti. Scrive Freud: «Un’altra di queste opere d’arte impenetrabili e meravigliose è la statua marmorea del Mosè di Michelangelo, nella Chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma. Come sappiamo, è solo un frammento della gigantesca tomba che l’artista avrebbe dovuto erigere per il potente papa Giulio II. Mi fa sempre piacere leggere una frase elogiativa di questa statua, come quella che la definisce «la corona della scultura moderna» . Infatti nessuna altra statua ha mai prodotto in me impressione più forte. Quante volte ho salito le ripide scale che dalla brutta via Cavour portano alla piazza solitaria dove si trova la chiesa deserta, ed ho cercato di sostenere l’irato sprezzo dello sguardo dell’eroe. A volte sono uscito furtivamente dalla semioscurità dell’interno come se io stesso appartenessi alla folla verso la quale è rivolto il suo sguardo – la folla che rifiuta ogni convinzione, che non ha fede né pazienza, e che si rallegra quando recupera i propri idoli illusori. Ma perché dico che questa statua è impenetrabile? Non c’è il minimo dubbio che rappresenti il Mosè, il Legislatore degli Ebrei, con le Tavole dei Dieci Comandamenti…l Mosè di Michelangelo è rappresentato seduto; rispetto al corpo la testa con l’imponente barba è volta a sinistra, il piede destro poggia per terra e la gamba sinistra è sollevata cosicché solo la punta del piede tocca per terra. Il braccio destro collega le Tavole della Legge con una parte della barba, il braccio sinistro giace in grembo. […] Secondo me non si può caratterizzare meglio l’espressione del viso di Mosè che con le parole di Thode, che vi vede «un misto d’ira, dolore e disprezzo: ira nelle sopracciglia contratte e  minacciose, dolore nello sguardo e disprezzo nel labbro inferiore sporgente e negli angoli della bocca piegati in giù.»  Come sosteneva J. J. Spector,  Freud non trattò mai l’ arte in modo sistematico: si occupò dei problemi di estetica soltanto nella misura in cui interessavano il suo lavoro psicanalitico.
Secondo Freud l’effeminatezza delle figure leonardesche, sarebbe dovuto ad un trauma psichico, provocato nell’ artista da un sogno avuto durante l’ infanzia. Possiamo dire che i nudi secondo Freud di Michelangelo con le ipotesi psicoanalitiche ripropongono ai nostri occhi l’ immagine dell’ intimo tormento dell’ artista sessualmente anormale. Analogicamente possiamo trovare elementi psicoanalitici anche nell’opera di Tiziano, possiamo vedere il quadro cosiddetto «Amore Sacro e Amore Profano». Qui abbiamo l’espressione della donna simbolo dell’amore è un altro mondo di pensarla Un significato d’amore che non appare manifestamente nel quadro. Una donna vestita e una donna seminuda, l’una e l’altra in un atteggiamento che non suggerisce necessariamente un’interpretazione d’amore. La sessualità può essere nello spettatore, soprattutto in quello spettatore del Settecento che per primo lo catalogò «Amore Sacro Amore Profano». Con altre parole possiamo dire che, qui   ambiamo una sublimazione dell’ amore. E secondo l’Enciclopedia della psicoanalisi, (La Planche e Pontalis, 1968) la sublimazione è quel «processo postulato da Freud per spiegare certe attività umane apparentemente senza rapporto con la sessualità, sessualità, ma che avrebbero la loro molla nella forza, della pulsione sessuale. Freud ha descritto come sublimate soprattutto l’attività artistica e l’indagine intellettuale. La pulsione è detta sublimata nella misura in cui essa è deviata verso una nuova meta non sessuale e tende verso oggetti socialmente valorizzati.»  
La psicoanalisi cerca anche una spiegazione del momento dell’ispirazione nell’artista, che risulterebbe anch’ esso come un erompere dell’ inconscio che scompagina la struttura ordinata della coscienza e intellettiva. Per esempio con il film di F. Fellini «Otto e mezzo» come scriveva A. Miotto abbiamo  una problematica psicoanalitica neojunghiana.(vede: A. Miotto, Otto e mezzo sarebbe piaciuto a Jung; Felini sul divano dello psichiatra .1963). Se l’arte è come il sogno, allora, a livello interpretativo, si tratta soltanto di individuare nuclei tematici che riconducono a motivi inconsci, per lo più fantasie, desideri, conflitti risalenti all’infanzia dell’autore. Tutti conosciamo che nell’opere di L. Pirandello ci sono radici autobiografiche della malattia mentale della moglie di Pirandello, Maria Antonietta Portulano. Il paradosso è che L. Pirandello non è sicuro che leggeva Freud, ma leggendo i romanzi di Pirandello si potrà convenire che non è solo la psicoanalisi a fornire una chiave interpretativa della mente e della realtà ma, anche attraverso la narrazione è possibile orientarsi nel labirinto della vita e nei meandri della psicopatologia umana, come riferisce Andrea Fiorucci in articolo intitolato come «Un viaggio nella psiche tra narrazione e psicoanalisi».
 Nella letteratura l’influenza dalla psicoanalisi era decisiva. Italo Svevo era influenzato in particolar mondo di Sigmund Freud, (vede: La coscienza di Zero)  anche alleati preziosi nella descrizione della vita interiore dell’ uomo era D’ Annuncio (Il piacere), Alberto Moravia (La vita), Carlo Emilio Gadda (La cognizione del dolore), Elsa Morante (Aracoeli). E poi i poeti come mistici e alchimiste, con un monologo interiore per la forma del mondo esprimono il viaggio esperienziale interiore. Freud nel 1906 scriveva: «I poeti sono alleati preziosi, e la loro testimonianza deve essere presa in attenta considerazione, giacché essi sono soliti sapere una quantità di cose fra cielo e terra che la considerazione, giacché essi sono soliti sapere una quantità di cose fra cielo e terra che la nostra filosofia neppure sospetta. Particolarmente nelle conoscenze dello spirito essi sorpassano di gran lunga noi comuni mortali, poiché attingono a fonti che non sono ancora state aperte dalla scienza.». In Italia poeti come D’ Annuncio, Saba, Montale, Pasolini, (la poetica dell’ ermetismo lasciava ogni tanto apparire qualche traccia di consapevolezza psicopatologica) sono influenzati dalla psicoanalisi e rappresentano le intime resistenze dell’ uomo. M. Serrano filosofo, scrittore, e politico cileno, racconta una storia che catturi il pensiero  di K. Jung per la poesia e la bellezza.  Un giorno - scrive Serrano - la psicanalista Jung, mi ha raccontato una storia strana, ma  piena dalla forza della trasforma in maniera essenziale. Dirà Jung: «In qualche luogo c’era una volta un Fiore, una Pietra, un Cristallo, una Regina, un Re, un Palazzo, un Amante e la sua Amata, e questo accadeva molto tempo fa, in un’isola nell’oceano cinque mila anni fa… Questo è l’Amore, il Fiore Mistico dell’Anima. Questo è il Centro, Il Sé…». Jung parlava come se fosse in trance. «nessuno comprende ciò che voglio dire; soltanto un poeta potrebbe iniziare a comprendere…». «Lei è un poeta», dissi, spinto da quello che avevo udito».(Vede: M., Serrano Il cerchio ermetico. Carl Gustav Jung e Hermann Hesse, Astrolabio, Roma, 1976, p.60). P. P. Pasolini nella Religione del mio tempo che abbia posto il tema dei limite della poesia verso la vita, in un mondo, scrive: «Io non so cosa sia  questa non – ragione, questa poca ragione: / Vico o Croce o Freud, mi soccorrono / ma con la sola suggestione / del mito, della scienza nella mia abulia. / Non Marx…Oh Marx – tutto è oro – ho Freud – tutto / è amore – ho Proust – tutto è memoria - / oh Einstein – tutto è fine – oh Charlot – tutto / è uomo – oh Kafka – tutto è terrore - / oh popolazione dei fratelli - / oh patria – oh ciò che rassicura…» Arte e vita, ο  cultura e vita, secondo psicoanalisi è un incontro essenziale con la realtà, è  una percezione o forse penetrazione in una visione del mondo.   Eugenio Montale descrive il rapporto di associazione di vita – arte - vita come un «pellegrinaggio attraverso la coscienza e la memoria degli uomini, il suo totale riflusso alla vita donde l’arte stessa ha tratto il suo primo alimento.»

Apostolos Apostolou
Docente di Filosofia              

Τετάρτη, 21 Ιουλίου 2010

ISTITUTO EUROPEO DELLA CONSULENZA FILOSOFICA

E

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

PROFESSORI

Mario Guarna

Professore di pratiche filosofiche. Amministratore dell'Istituto Europeo di Filosofia pratica e di antropologia filosofica.

Professor philosophical practices. Administrator of the European practice of philosophy and philosophical anthropology

Apostolos Apostolou

Professore di filosofia e antropologia filosofica. .amministratore dell'Istituto Europeo di Filosofia pratica e di antropologia filosofica.

Professor of philosophy and philosophical anthropology. . Administrator of the European practice of philosophy and philosophical anthropology.

Cristina Finazzi

Professoressa di filosofia.

Professor of Philosophy.

Τρίτη, 18 Μαΐου 2010

La psicoanalisi.








Una straordinaria scoperta, la psicoanalisi: fa sentire complesse anche le persone più semplici.



Samuel Nathaniel Behrman





Psicoanalisi. Dietrologia che spiega i rimossi dell'analista assai più che del paziente.



Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994





La psicoanalisi è una confessione senza assoluzione.



Gilbert Keith Chesterton





Noi psicoanalisti non eliminiamo le cause determinanti delle nevrosi: ci limitiamo ad aiutare il paziente a trasformare meglio le frustrazioni nevrotiche in valide compensazioni.



Helene Deutsch





Ciò che vi è di nuovo nella teoria di Freud non è vero e ciò che vi è di vero non è nuovo.



Hans Eysenck





Il vero psicanalista delle donne è il loro parrucchiere



Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1969 (postumo)





Psicoanalisi. Una professione di curatori laici di anime, i quali non hanno bisogno di essere medici, e non dovrebbero essere sacerdoti.



Sigmund Freud





La psicoanalisi si impara innanzitutto su sé stessi, mediante lo studio della propria personalità.



Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, Prima serie di lezioni, 1915/17





In psicoanalisi le cose sono solite essere un po' più complicate di quel che vorremmo. Se fossero così semplici, non ci sarebbe forse stato bisogno della psicoanalisi per portarle alla luce.



Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, Prima serie di lezioni, 1915/17





Non credo che i nostri successi terapeutici possano competere con quelli di Lourdes; le persone che credono ai miracoli della Santa Vergine sono molto più numerose di quelle che credono all'esistenza dell'inconscio.



Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, Seconda serie di lezioni, 1932





Un uomo che va dallo psicoanalista dovrebbe farsi curare il cervello.



Samuel Goldwyn (attribuita)





Fortunatamente l'analisi non è l'unico mezzo per risolvere i conflitti interiori. La vita stessa rimane ancora l'autentica efficace terapista.



Karen Horney, I nostri conflitti interni, 1945





Mostrami un uomo sano e io lo curerò per te.



Carl Gustav Jung





Una certa psicoanalisi è il mestiere di lascivi razionalisti che riconducono a cause sessuali tutto quel che esiste al mondo, salvo il loro mestiere.



Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912





La psicoanalisi è quella malattia mentale di cui crede di essere la terapia.



Karl Kraus, Di notte, 1918





I nuovi investigatori dell'anima dicono che qualsiasi cosa deve essere ricondotta a cause sessuali. Per esempio si potrebbe spiegare il loro metodo come erotismo del padre confessore.



Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909





A Lourdes si può guarire. Ma quale magia dovrebbe emanare uno specialista in malattie nervose?



Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909





Δευτέρα, 17 Μαΐου 2010

La liberta'


La liberta' non e' altro che una possibilita' di esseremigliori, mentre la sciavitu' e' certezza di essere peggiori. Camus.


La liberta' e' un sistema basato sul coraggio. C.Peguy.


La liberta' e' un dovere, prima che un diritto 'e un dovere. O. Fallaci.


La liberta' e' solo nel regno dei sogni. Schiller.


La liberta' richiede virtu' e coraggio. D.Solomos.

Moltitudine


Per me un uomo vale quanto una moltitudine, e una moltitudine quanto un uomo. Democrito.


Tutti per uno, uno per tutti. Dumas padre.

Odio


L' odio e' soltanto un difeto dell' immaginazione. G Green.


Quando odiamo qualcuno, odiamo nella sua immagine qualcosa che sta dentro di noi. H.Hesse.